Una svolta nella catena di blocchi? Prospettive degli investitori

Michael Terpin è co-fondatore di BitAngels. Un imprenditore decentralizzato e un gruppo di investitori. Dirige anche Transform Group, una società di consulenza di pubbliche relazioni e marketing focalizzata sulla catena di blocco.

In questo esame CoinDesk, Terpin divide l’industria della catena a blocchi in tre settori e fornisce loro una prospettiva per il 2017.

Guardando indietro al 2016, si può certamente affermare che il settore della catena a blocchi ha raggiunto una discreta quota di vittorie, sconfitte e dibattiti.

Esposizione

Accumulo del patrimonio con gli immobili di Bitcoin formula

Attraverso la Bitcoin formula piattaforma Crowdinvesting Zinsland potete integrare il vostro portafoglio: investite in un progetto di vostra scelta e assicuratevi un rendimento fino al 7% con scadenze tra i 10 e i 30 mesi. Questo mese riceverai anche un bonus di 100€* per il tuo investimento iniziale: https://www.onlinebetrug.net/it/bitcoin-formula/

potenziato da finativo
Per il 2017, tuttavia, il settore progredisce con fiducia in se stesso. Naturalmente, c’è ancora la possibilità di eventi catastrofici (che si sono verificati più volte nel breve periodo di vita di questo settore), ma altrettanto probabile è la crescita parabolica.

Quindi, come possono gli investitori identificare i modelli in un settore in crescita?

In primo luogo, una comprensione delle basi. Divido l’industria in tre categorie (Bitcoin, altri Blockchains pubblici e Consorzi, e Ledger privati).

Sulla base di queste categorie, do le mie previsioni per queste aree per il prossimo anno.

Moneta

Quando David Johnston ed io abbiamo co-fondato BitAngels più di tre anni e mezzo fa, Bitcoin era ancora una novità tra gli investitori tradizionali. Ha appena subito una delle sue più forti molestie. All’inizio del 2013 era pari a 13 dollari USA, è salito a 233 dollari USA, per poi scendere rapidamente a 50 dollari USA.

Quando abbiamo iniziato, il prezzo è salito a 120 dollari. Tutti erano ansiosi di vedere se il prezzo si sarebbe completamente recuperato entro la fine dell’anno. Un investitore al nostro primo incontro, Vinny Lingham (ora CEO di Blockchain-Startup Civic), ha dichiarato in modo straordinario che Bitcoin raggiungerà il prezzo di 1.000 dollari USA entro dicembre. Aveva ragione.

Preavvolto a dicembre 2016 e la preistoria ricorda fortemente gli eventi del 2013.

Gli investitori a lungo termine lo hanno già riconosciuto per Bitcoin. Ma dal mio punto di vista, l’ecosistema è migliorato molto.

Anche se tutta la follia del mercato si basa ancora sull’offerta e sulla domanda, la dipendenza da un unico scambio, il monte Gox, non esiste più. Al giorno d’oggi non è più probabile che i prezzi esagerati siano esagerati. Ci sono dozzine di scambi indipendenti supportati dai VC e conformi dalle autorità di regolamentazione.

Penso che le grandi tendenze per Bitcoin nel 2017 saranno le seguenti.