Bitcoin – L’opportunità unica di investimento

Peter Schiff è un noto investitore in oro e CEO di Euro Pacific Capital. È stato criticato da molti analisti ed esperti, tra cui Brian Kelly della CNBC. Il motivo: chiama Bitcoin “l’oro del digitale”.

In generale, l’ignoranza di Schiff su Bitcoin sembra derivare maggiormente dalla sua responsabilità di proteggere Euro Pacific Capital. Il modello di business di Euro Pacific Capital si basa interamente sull’oro. Schiff ha scambiato oro per la maggior parte della sua carriera e quindi sembra naturale che voglia difendere l’oro contro Bitcoin.

Ma alcuni investitori innovativi e di successo sanno che in un mercato si ottiene un profitto solo battendosi da soli. Un investimento o una valuta che ha battuto il mercato per tre anni è Bitcoin, che batte tutte le valute, le azioni e gli investimenti – anche l’oro.

Rarità, scarsità e decentramento di Bitcoin code

L’attuale base generale di critica contro Bitcoin code è la mancanza di moderatori di rete e l’origine del suo valore: https://www.onlinebetrug.net/it/bitcoin-code/ Gli economisti convenzionali, in particolare, hanno un problema nel considerare i Bitcoin come un’offerta rigida, in quanto ciò potrebbe teoricamente portare a problemi economici in futuro.

Rarità, scarsità e decentramento sono le tre caratteristiche principali di Bitcoin che gli economisti convenzionali come Schiff mettono in guardia, ma in realtà questi tre aspetti sono i punti di forza di Bitcoin. Queste caratteristiche di Bitcoin sono la ragione per cui l’analista mainstream Brian Kelly offre una copertura giusta ed equilibrata di Bitcoin.

In un dibattito con Schiff:

“Per me, è solo Bitcoin. Bitcoin non è solo oro digitale. Si tratta di una piattaforma tecnologica per le aziende FinTech. Si tratta di un’opportunità di investimento unica, simile a Internet e che potrebbe crescere ancora più velocemente. È l’Internet del denaro. Tutti sono interessati. La Federal Reserve ha pubblicato un articolo sull’argomento. La Banca d’Inghilterra è in. 14 delle 30 principali banche hanno progetti attivi in corso”.

L’affermazione di Kelly è di fatto corretta perché Bitcoin è una piattaforma tecnologica e il protocollo open source permette a chiunque di costruire su di essa. Bitcoin come protocollo di base è uno strumento di pagamento. Semplifica il pagamento tra due parti senza la necessità di un intermediario.

Sullo strato superiore della tecnologia sono presenti soluzioni a due strati, che consentono di trasformare Bitcoin in un sistema di insediamento o in un prodotto finanziario.

La struttura di Bitcoin non è un’imitazione dell’oro
Schiff, tuttavia, sostiene che la struttura di Bitcoin è un’imitazione dell’oro, un’alternativa alle valute fiat. Come accennato sopra, Bitcoin non è una replica in oro, o una replica del sistema finanziario dei governi di tutto il mondo. Può comportarsi come l’oro o una moneta, ma non è stato creato con la struttura dei due.

Quando Schiff dichiara che l’oro è la versione più efficiente di Bitcoin, intende l’aspetto merceologico dell’oro. L’oro è una merce e un investimento. Ma non è un’unità di pagamento e non una rete di insediamento. Il suo valore dipende da un’offerta infinita, che potrebbe aumentare esponenzialmente se in futuro si troveranno grandi giacimenti d’oro.

Se Bitcoin avesse un bug che porterebbe alla creazione di Bitcoin da zero, allora il valore di Bitcoin non sarebbe dove è ora.

“Non abbiamo in programma di introdurre il KYC” – Intervista con il co-fondatore di LocalMonero

Fino a poco tempo fa, LocalBitcoins era il mercato per la facile acquisizione di Bitcoin. Tuttavia, la piattaforma ha recentemente introdotto le linee guida Know-Your-Cusomter. LocalMonero è la controparte dell’anonima moneta criptata Monero. In linea con la privacy della valuta, LocalMonero non richiede l’autenticazione del cliente. BTC-ECHO ha incontrato il co-fondatore di LocalMonero Alex in un’intervista e gli ha posto le domande importanti.

La storia delle origini crypto trader

Accumulo del patrimonio con gli crypto trader. Attraverso la piattaforma Crowdinvesting Zinsland potete integrare il vostro portafoglio: investite in un progetto di vostra scelta e assicuratevi un rendimento fino al 7% con scadenze tra i 10 e i 30 mesi. Questo mese riceverai anche un bonus di 100€* per il tuo investimento iniziale.

potenziato da finativo
Il desiderio di lanciare LocalMonero nasce dal fatto che l’ecosistema Monero non aveva una buona porta d’ingresso tra le valute Fiat e Monero – una porta che non richiede l’etichetta “know your customer”; una porta che è essenzialmente peer-to-peer.

Fino a poco tempo fa, il vantaggio principale di LocalBitcoins era quello di non dover passare attraverso il tradizionale percorso bancario. Invece, le persone possono scegliere il loro metodo di pagamento preferito e scambiare Bitcoin. Volevamo creare lo stesso per Monero. Crediamo anche che questo sia molto importante per Monero perché la moneta criptata si concentra sulla privacy. Riteniamo che un mercato da banco peer-to-peer sia adatto a Monero. Dopo tutto, abbiamo visto una lacuna nel mercato e l’abbiamo colmato.

Qual è stata la sfida più grande finora? E come li avete superati?

Penso che la sfida più grande sia quella di conquistare la fiducia degli utenti – questo è probabilmente il caso di tutte le aziende di crittografia. Lo fai facendo del tuo meglio sul lavoro: Ad esempio, cerchiamo sempre di implementare il più rapidamente possibile il feedback dei clienti. Rispondiamo ai biglietti il più velocemente possibile. Siamo molto attivi su Reddit, Twitter e altri social network. Inoltre, cerchiamo di registrare dove siamo menzionati per essere il più reattivi possibile. In definitiva, crediamo che il nostro impegno possa conquistare la fiducia dei nostri utenti.

LocalMonero è in giro da oltre sei mesi – penso che sia il settimo o l’ottavo mese in cui siamo online – e la comunità si fida di noi ora. La mancanza di fiducia iniziale viene superata facendo costantemente del bene del cliente e non deludendo nessuno. Penso che abbiamo fatto un buon lavoro. Naturalmente continueremo a farlo anche in futuro.

Una svolta nella catena di blocchi? Prospettive degli investitori

Michael Terpin è co-fondatore di BitAngels. Un imprenditore decentralizzato e un gruppo di investitori. Dirige anche Transform Group, una società di consulenza di pubbliche relazioni e marketing focalizzata sulla catena di blocco.

In questo esame CoinDesk, Terpin divide l’industria della catena a blocchi in tre settori e fornisce loro una prospettiva per il 2017.

Guardando indietro al 2016, si può certamente affermare che il settore della catena a blocchi ha raggiunto una discreta quota di vittorie, sconfitte e dibattiti.

Esposizione

Accumulo del patrimonio con gli immobili di Bitcoin formula

Attraverso la Bitcoin formula piattaforma Crowdinvesting Zinsland potete integrare il vostro portafoglio: investite in un progetto di vostra scelta e assicuratevi un rendimento fino al 7% con scadenze tra i 10 e i 30 mesi. Questo mese riceverai anche un bonus di 100€* per il tuo investimento iniziale: https://www.onlinebetrug.net/it/bitcoin-formula/

potenziato da finativo
Per il 2017, tuttavia, il settore progredisce con fiducia in se stesso. Naturalmente, c’è ancora la possibilità di eventi catastrofici (che si sono verificati più volte nel breve periodo di vita di questo settore), ma altrettanto probabile è la crescita parabolica.

Quindi, come possono gli investitori identificare i modelli in un settore in crescita?

In primo luogo, una comprensione delle basi. Divido l’industria in tre categorie (Bitcoin, altri Blockchains pubblici e Consorzi, e Ledger privati).

Sulla base di queste categorie, do le mie previsioni per queste aree per il prossimo anno.

Moneta

Quando David Johnston ed io abbiamo co-fondato BitAngels più di tre anni e mezzo fa, Bitcoin era ancora una novità tra gli investitori tradizionali. Ha appena subito una delle sue più forti molestie. All’inizio del 2013 era pari a 13 dollari USA, è salito a 233 dollari USA, per poi scendere rapidamente a 50 dollari USA.

Quando abbiamo iniziato, il prezzo è salito a 120 dollari. Tutti erano ansiosi di vedere se il prezzo si sarebbe completamente recuperato entro la fine dell’anno. Un investitore al nostro primo incontro, Vinny Lingham (ora CEO di Blockchain-Startup Civic), ha dichiarato in modo straordinario che Bitcoin raggiungerà il prezzo di 1.000 dollari USA entro dicembre. Aveva ragione.

Preavvolto a dicembre 2016 e la preistoria ricorda fortemente gli eventi del 2013.

Gli investitori a lungo termine lo hanno già riconosciuto per Bitcoin. Ma dal mio punto di vista, l’ecosistema è migliorato molto.

Anche se tutta la follia del mercato si basa ancora sull’offerta e sulla domanda, la dipendenza da un unico scambio, il monte Gox, non esiste più. Al giorno d’oggi non è più probabile che i prezzi esagerati siano esagerati. Ci sono dozzine di scambi indipendenti supportati dai VC e conformi dalle autorità di regolamentazione.

Penso che le grandi tendenze per Bitcoin nel 2017 saranno le seguenti.

La piattaforma europea Blockchain Platform Stratumn riceve 600.000 euro

HOMEPAGE HOMEPAGE AZIENDA TECH AZIENDA EUROPEA BLOCKCHAIN PIATTAFORMA EUROPEA BLOCKCHAIN STRATUMN RICEVE 600.000 EURO
Stratumn è la prima azienda francese nel settore delle catene a blocchi a ricevere una succosa iniezione finanziaria di 600.000 euro. Il denaro sarà utilizzato per sviluppare e promuovere ulteriormente la piattaforma. Il round di finanziamento è stato guidato dal venture capitalist francese Otium Capital.

Il CEO di Ledger Eric Larchevêque era uno dei partecipanti di Bitcoin evolution

L’iniezione di cassa consente alla piattaforma di crescere da 5 a 12 dipendenti e di rafforzare ulteriormente la sua posizione di azienda leader per le soluzioni a catena di blocco di Bitcoin evolution in Francia e in Europa. Stratumn è stata fondata a Parigi dal software engineer californiano Richard Caetano e Stephan Florquin – entrambi lavorano dal 2011 con la tecnologia Bitcoin e Blockchain. In precedenza, Caetano ha sviluppato la nota Bitcointicker App btcReport e ha scritto il libro “Learning Bitcoin”. Floriquin è stato in precedenza Chief Developer di Paymium, uno dei principali Bitcoin exchange francesi.

Il CEO di Stratumn Caetano spiega cosa lo ha portato a fondare la sua azienda a Parigi:

“La fertilità della scena delle startup francesi, la qualità degli ingegneri e il sostegno delle istituzioni pubbliche hanno reso la Francia un luogo ideale per la mia startup”.

Il protocollo a catena di blocchi è apparso per la prima volta con la pubblicazione della moneta digitale Bitcoin nel 2009. La tecnologia consente di creare database decentralizzati che sono infallibili e trasparenti. Con le più recenti tecnologie informatiche, la catena di blocchi ha il potenziale per capovolgere interi settori come il settore finanziario, il settore pubblico, il settore sanitario o l’industria dell’arte.

Stratumn offre alle aziende un accesso semplificato alla tecnologia e aiuta gli sviluppatori a integrare le soluzioni Bitcoin e Blockchain nelle proprie attività. La piattaforma offre una propria interfaccia API e una varietà di strumenti, tra i quali:

prova inconfutabile dell’esistenza di documenti
la salvaguardia dei processi aziendali
così come l’uscita di oggetti di valore digitali
La startup ha anche sviluppato un proprio standard chiamato Chainscript. Questo viene utilizzato per registrare dati e flussi di lavoro e allo stesso tempo utilizza la capacità della catena di blocco per generare impronte digitali per creare prove inalterabili dell’esistenza di documenti.

La piattaforma come servizio (PaaS) offre prezzi flessibili per singoli sviluppatori o grandi imprese.

“Stratumn è la prima azienda francese ad offrire un prodotto solido di sviluppo a catena di blocchi. La piattaforma PaaS offre molte opportunità per la gestione dei processi aziendali”, afferma Éric Larchevêque, CEO del libro mastro.

“La possibilità di costruire la fiducia senza un’autorità centrale intermediaria ha il potenziale per influenzare interi settori. Molti si chiederanno quale sia la ragione d’essere di alcune aziende, il cui unico compito finora è stato quello di garantire la necessaria fiducia come terza parte”, afferma Bruno Raillard, Partner di Otium Venture.

Gli sviluppatori interessati alle API di Stratumn possono inviare una richiesta di invito alla piattaforma Stratumn.com. Finora una registrazione funziona solo con Invite-Only.

Ethereum raggiunge i 400 dollari – ci guardiamo indietro

Non ci è voluta nemmeno mezza settimana e Ethereum ha fatto passare il tasso da 300 a 400 dollari USA. Circa un anno fa, la giovane storia del rivoluzionario Blockchain quasi fallito. Ma ora la crescita sembra non avere limiti.

Tanto per ricordarvi: un mese fa, oggi, il prezzo dell’etere (ETH) era ancora intorno ai 90 dollari USA. Chiunque abbia acquistato un mese fa ha già un plus che raramente si trova in questa forma su un mercato finanziario tradizionale. Circa il 344% di crescita in un mese – si sente già parlare di “bolla”!

Il grafico qui sopra mostra la crescita degli indirizzi dell’Ethereum dai primi inizi alla fine del 2015. Anche chi ha trovato la matematica difficile in quel momento, e io mi annovero tra loro, nota qualcosa del grafico. La sua crescita è in aumento – in modo esponenziale. L’ascesa “sembra rinforzarsi”, per dirla con parole laiche. Questo spiega almeno in parte l’attuale aumento. Ma chi segue da tempo l’Ethereum si stupisce e si pone almeno una domanda: perché non è cambiato nulla a metà del 2016?

Il disastro del Bitcoin trader

Un anno fa è iniziato qualcosa che assomigliava alla “Torre di Babele” sulla catena Ethereum-Blockchain. Il DAO, o Organizzazione Autonoma Decentrata, dovrebbe sfruttare appieno la nuova funzione di punta di Ethereum: Bitcoin trader gli Smart Contracts.

Il DAO doveva essere un grande contratto intelligente, un programma in grado di gestire se stesso e di unire i voti di migliaia di investitori. Così il DAO dovrebbe sostenere il primo sviluppo dell’etereo. Gli investitori possono acquistare i gettoni DAO (vedi immagine sotto) per ottenere un diritto di voto nel DAO. Il DAO è servito come un’enorme macchina per il voto: Tutti possono votare per un progetto di avvio prestabilito. Poi il DAO ha contato i voti. Non ci sono frodi elettorali perché la catena di blocco non è fraudolenta. Una democrazia perfetta e il miglior catalizzatore per un mercato giovane – almeno così dovrebbe essere.

Ma il DAO è stato hackerato!

All’inizio di giugno 2016, circa 12 milioni di eteri erano ancora presenti nel DAO Smart Contract. A quel tempo era già un investimento che ha stabilito dei record! Il 17 giugno, tuttavia, ci sono stati strani addebiti nel contratto intelligente. Un allarme è stato lanciato e in poche ore, 3 milioni di eteri sono stati consegnati dall’aggressore ad un indirizzo. Un errore in una cosiddetta funzione Split() è stato sfruttato dall’hacker. In risposta alle critiche della comunità, il capo di Ethereum Vitalik Buterin lo ha chiarito:

“Questo è un incidente che riguarda specificamente il DAO, Ethereum stesso è perfettamente sicuro”.

L’hack ha messo in ginocchio il DAO e l’Ethereum blockchain. È la ragione per cui ora abbiamo Ethereum (ETH) ed Ethereum Classic (ETC). Quando il team della Fondazione Ethereum è intervenuto nel codice sorgente per disabilitare il DAO, una parte della comunità ha visto l’immutabilità della catena di blocco a rischio. La comunità si è divisa in due campi:

ETH – Secondo il motto: “La catena di blocchi è immutabile, ma non appena la legge viene infranta, lo status può essere cambiato – ‘La legge è Codice'”.
ETC – Secondo il motto: “La catena di blocco è immutabile, anche se la legge è infranta, lo stato non deve essere cambiato – ‘Codice è legge'”.
All’epoca furono rubati circa 3,6 milioni di eteri – oggi circa 1,44 miliardi di dollari…..

E Ethereum non si è rotto. E ‘rimasto in silenzio per mesi intorno alla catena di blocco Smart Contract. Dal suo prezzo di 18,59 dollari USA nel giugno 2016, ha registrato una crescita straordinaria del 2,051 %!

Stato di Bitcoin Q1 2015 da CoinDesk

CoinDesk ha pubblicato l’ultimo rapporto trimestrale Bitcoin #Q1 2015. L’articolo seguente tratta i temi principali del rapporto e gli sviluppi più interessanti del primo trimestre 2015.

L’investimento di Bitcoin VC ammonta a 676 milioni di dollari USA.
Nel primo trimestre del 2015, un importo record di 229 milioni di dollari USA è stato investito in start-up Bitcoin.

Solo 21 Inc e Coinbase hanno ricevuto VC (capitale di rischio) rispettivamente di 116 milioni di USD e 75 milioni di USD.

Bitcoin Quarterly Report Q1: Investimenti record nel 2015

Con un capitale di rischio di 121 milioni di dollari, 21 Inc è riuscita ad ottenere Coinbase come migliore start-up Bitcoin finanziata. Tuttavia, si sa molto poco dell’azienda che si descrive come un’azienda Bitcoin “universale”. ( diapositiva 27).

In totale, dal 2012 sono stati investiti circa 676 milioni di dollari USA in start-up Bitcoin. Si tratta di una crescita del 51% rispetto alla fine del 2014.

Nel primo trimestre il numero di paesi che hanno ricevuto un VC è aumentato da 18 a 22 paesi.

I nuovi paesi includono Barbados, Francia, Kenya e Svizzera. BitPesa è così diventata la prima start-up Bitcoin a beneficiare del capitale di VC in Africa.

Il prezzo di Bitcoin si è stabilizzato

Nel complesso, il sistema petrolifero Bitcoin ha mostrato una robusta crescita nel primo trimestre, dopo l’estremo calo dei prezzi nel mese di gennaio. Scendendo sotto i 200 dollari, che è visto come un importante marchio psicologico, il prezzo di Bitcoin ha sorpreso la maggior parte di noi.

Il 14 gennaio il prezzo per BTC è sceso a 177 USD (CoinDesk BPI), inferiore del 24% (diapositiva 11).

Anche se il prezzo del Bitcoin è diminuito notevolmente dall’inizio del 2015, è stato in grado di stabilirsi a circa 250 dollari. Il volume degli scambi non è stato invece influenzato dal calo dei prezzi (diapositiva 12). Questo può essere un’indicazione del fatto che Bitcoin ha operato in modo redditizio in entrambe le tendenze al rialzo e al ribasso.

Anche le notizie Bitcoin sul prezzo Bitcoin sembrano aver perso l’attenzione. Nel terzo trimestre del 2014 c’erano 7 articoli tra i primi 10 articoli su CoinDesk che si occupavano del prezzo dei Bitcoin. Nel primo trimestre del 2015, solo due articoli sono entrati nella Top 10 (slide 21).

Bitcoin lotta con l’accettazione del mainstream
Il numero di aziende che accettano Bitcoin ha continuato a crescere molto lentamente nel primo trimestre del 2015. La ragione della lenta accettazione di Bitcoin da parte delle aziende non è tanto l’interesse delle aziende per Bitcoin quanto la lenta diffusione tra il grande pubblico.

Nel primo trimestre del 2011 sono stati creati 1 milione di nuovi Portafogli Bitcoin, con una crescita del 14%. Nel mese di febbraio i Portafogli a catena a blocchi sono riusciti a superare la soglia dei 3 milioni.

Per il 2015 CoinDesk prevede un totale di 12 milioni di portafogli (diapositiva 53).

Segnali positivi da Wall Street e dai regolatori
L’interesse di Wall Street per Bitcoin è dovuto principalmente alla migrazione dei manager finanziari verso l’industria dei Bitcoin (diapositiva 77).

Anche banche leader come Citi e UBS hanno lanciato i propri programmi per esplorare ulteriormente la catena di blocco. Questo sviluppo consente alle start-up Bitcoin di stabilire importanti connessioni con il sistema finanziario tradizionale.

L’ultima versione della New York BitLicense è stata pubblicata a febbraio (diapositiva 80). Anche se in linea di principio si è potuto osservare uno sviluppo positivo, alcuni passaggi della licenza sollevano ancora interrogativi e necessitano di chiarimenti.

Il Tesoro britannico ha inoltre annunciato un nuovo quadro normativo per le valute digitali. Il progetto è generalmente considerato uno sviluppo positivo.